La chiesa della Madonna Grande

La chiesa, costruita nel XVI secolo come ringraziamento per la fine della peste, sorge accanto al cimitero. Un tempo l’edificio era indicato dalle genti della zona come la Madonna dei Prati. La chiesa sorgeva in passato nel cuore dei possedimenti dell’antico castello di Polosenda e fu anche chiamata Madonna del Teritio, dalla stirpe Tarizzo, nobile famiglia di avvocati e banchieri. Presenta tre altari, uno dedicato alla Vergine, uno al beato Amedeo di Savoia e uno a Sant’Ignazio. Conserva nella sacrestia una cripta con affreschi rappresentanti il Crocifisso e Santi databili intorno all’anno Mille.